Centro per le Famiglie Villa Cingoli

 

 

Il Centro per le Famiglie – Villa Cingoli nasce a Vercelli nell’aprile 2004, in applicazione dell’art. n. 42 della L.R. n.1/2004 e secondo le Linee Guida inerenti finalità e funzioni dei Centri per le Famiglie in Piemonte. [Deliberazione della Giunta Regionale 4 agosto 2016, n. 89-3827].

Il Centro per le Famiglie è un luogo di accoglienza e di incontro deputato a:

  • Rafforzare e sostenere l’autonomia e le competenze della famiglia, favorendo il riconoscimento e l’utilizzazione delle risorse di cui dispone nella gestione dei problemi posti dalla vita familiare quotidiana.
  • Favorire l’aggregazione e la socializzazione tra gli adulti, nel rispetto e nella valorizzazione delle diverse culture.
  • Incentivare la nascita di nuove reti formali ed informali tra famiglie e territorio e potenziare quelle esistenti.
  • Promuovere un contatto stabile con la realtà scolastica locale.
  • Prevenire le situazioni di disagio familiare.

I Servizi e le attività del Centro sono destinate ai cittadini di Vercelli e dei paesi convenzionati.

La modulistica è scaricabile in fondo alla pagina

Potete trovare le notizie inerenti il Centro per le Famiglie anche sulla pagina facebook istituzionale Città di Vercelli 

Hashtag per FB e Twitter   #centrofamiglievillacingoli  #consulenzaeducativa #consulenzafamiliare

CONSULENZA EDUCATIVA:

La Consulenza Educativa è online. I tempi che stiamo vivendo ci portano a sperimentare modalità diverse di contatto e di incontro. L’emergenza sanitaria in corso ci costringe ad una diversa gestione dei tempi e degli spazi sia fisici, sia psichici, ci porta a dover riorganizzare le modalità di lavoro e i ritmi di vita quotidiana.  Tutto questo può creare disagi e ulteriori fatiche nelle nostre relazioni familiari e nel rapporto con i nostri figli che non sempre riusciamo a gestire.

Da oggi è possibile effettuare l’intervento di Consulenza Educativa  anche online, o tramite telefonata.

La richiesta avviene sempre inviando il modulo sottostante alla PEC del Comune, protocollo@cert.comune.vercelli.it e, per conoscenza, alla mail del Centro per le Famiglie, centrofamiglie@comune.vercelli.it , risponderà la psicologa del Centro.  

 

E’   uno   spazio  di  ascolto e accoglienza a disposizione dei genitori o di altri familiari, utile per:

- confrontarsi sulle scelte educative nei confronti dei figli; 

- comprendere i cambiamenti che avvengono nella famiglia durante le diverse fasi del ciclo di vita;

- chiarire e migliorare le relazioni all’interno della famiglia e lo stile educativo.

La consulenza è rivolta ai genitori o ad altri componenti adulti della famiglia che desiderano  essere ascoltati, sostenuti e aiutati ad affrontare le difficoltà e le preoccupazioni che vivono quotidianamente    nelle relazioni familiari e nello   svolgimento del proprio ruolo educativo.

Il servizio è volto ad attivare e mettere in campo le risorse e le capacità della persona, poiché il principio base su cui si fonda è che i genitori sono i “migliori conoscitori” dei propri figli.

Il percorso si articola in un ciclo breve di incontri (4-6) della durata di 1 ora circa, ed è così strutturato:

  • attivazione di un relazione di fiducia;
  • individuazione del problema;
  • ridefinizione del problema;
  • progettazione e messa in atto di nuove strategie di rapporto.

I colloqui sono condotti da esperti in problematiche pedagogiche e psicologiche individuali e familiari.

Il Servizio è gratuito e si svolge su appuntamento.

Per accedere al servizio è necessario compilare il modulo di richiesta ed inviarlo via mail al seguente indirizzo: protocollo@cert.comune.vercelli.it

o consegnarlo all’Ufficio Protocollo del Comune, Piazza Municipio 5

CONSULENZA FAMILIARE E DI COPPIA:

La Consulenza Familiare e di Coppia è online. I tempi che stiamo vivendo ci portano a sperimentare modalità diverse di contatto e di incontro. L’emergenza sanitaria in corso ci costringe ad una diversa gestione dei tempi e degli spazi sia fisici, sia psichici, ci porta a dover riorganizzare le modalità di lavoro e i ritmi di vita quotidiana.  Tutto questo può creare disagi e ulteriori fatiche nelle nostre relazioni familiari e di coppia che non sempre riusciamo a gestire.

Da oggi è possibile effettuare l’intervento di Consulenza Familiare e di Coppia anche online, o tramite telefonata.

La richiesta avviene sempre inviando il modulo sottostante alla PEC del Comune, protocollo@cert.comune.vercelli.it  e, per conoscenza, alla mail del Centro per le Famiglie, centrofamiglie@comune.vercelli.it , risponderà la psicologa del Centro.  

 

E’ uno spazio di ascolto e sostegno per famiglie e-o coppie che vivono momenti di crisi, di conflitto, di cambiamento che mettono a rischio il benessere del nucleo e dei suoi componenti.

La consulenza è rivolta alle coppie o ad altri componenti adulti della famiglia che desiderano  essere ascoltati, sostenuti e aiutati ad affrontare le difficoltà e le preoccupazioni legate ad eventi critici (nascita dei figli, conflittualità, separazione, malattia, perdita, difficoltà nei rapporti con le famiglie di origine, ecc.).  

Il percorso è finalizzato a:

  • chiarire e definire le caratteristiche delle problematiche e delle disfunzionalità del/la nucleo/coppia;
  • individuare strategie e modalità funzionali di relazione;
  • orientare verso le risorse presenti sul territorio.

Il percorso si articola in un ciclo di incontri della durata di 1 ora circa, per un massimo di 6 incontri

I colloqui sono condotti da esperti nell’ambito delle problematiche psicologiche individuali e familiari.

Il servizio è gratuito e si svolge su appuntamento.

Per accedere al servizio è necessario compilare il modulo di richiesta ed inviarlo via mail al seguente indirizzo: protocollo@cert.comune.vercelli.it

o consegnarlo all’Ufficio Protocollo del Comune, Piazza Municipio 5

INFORMAZIONI, CONSIGLI E INFORMAZIONI UTILI PER GENITORI, BAMBINI E RAGAZZI  ALL'EPOCA DEL CORONAVIRUS

Scarica il materiale informativo.

SCEGLIERE LE INFORMAZIONI

I bambini necessitano di informazioni CHIARE E VERE, filtrate in base all’età, in modo che possano essere comprese.
E’ importante non esporre i bambini o sovraesporli a immagini e notizie non adatte al loro livello di comprensione. Scegliere 1-2 momenti al giorno da dedicare INSIEME alla visione di notiziari o ricerca web di notizie, in modo tale da spiegare quanto emerge, rendere comprensibile e rassicurare i bambini attraverso un focus realistico e orientato agli aspetti positivi. Ovvero spiegare ai bambini che ci sono tante persone che si stanno occupando del coronavirus e sottolineare questi aspetti quando emergono in TV e via web.

DARE SICUREZZA AI BAMBINI

I bambini possono continuare a fare le cose da bambini: giocare, parlare di cose divertenti fare i compiti e imparare cose nuove.
Stare con mamma e papà e altre persone di fiducia senza che vedano solo volti spaventati e allarmati. Ricordiamoci che i bambini sono piccoli ma osservano e comprendono.
Un bambino per sentirsi sicuro ha bisogno di stare con un adulto in grado di trasmettere affetto e padronanza. In primis padronanza di se stesso.
I bambini notano le incongruenze degli adulti, ad esempio se dico: “Non c’è da avere paura”, poi faccio scorte alimentari per un esercito, posso generare confusione e il bambino può chiedersi se fa bene a credere all’adulto in questione. Se può fidarsi.
La fiducia è indispensabile per dare sicurezza.
Ricordatevi che se non riuscite a calmare voi stessi, non potete dare sicurezza al vostro bambino !
In questi casi, fatevi supportare da altri familiari o attraverso la comunità, rete di amicizie ed eventualmente consultate gli specialisti.

COME RACCONTARE IL CORONAVIRUS A UN BAMBINO

Lo psicologo Alberto Pellai ha condiviso un racconto molto utile da leggere ai bambini che spiega il coronavirus. Questo il link per scaricare il racconto:
https://www.corriere.it/cronache/20_febbraio_23/caro-bambino-ecco-perche-coronavirus-ci-fa-tanta-paura-ma-tu-non-devi-temere-13e9f8c8-5636-11ea-b447-d9646dbdb12a.shtml?refresh_ce-cp
Video per bambini
https://www.youtube.com/watch?v=BGHwUs9lSLg 

COSE DA FARE IN CASA: IDEE PER BAMBINI E GENITORI

Storie da fare ed ascoltare:

http://www.lapaginadeibimbi.com/favola0.htm

https://www.ilgomitolo.net/siti/lettura/favole_e_fiabe/?ordine=inserimento qui trovate anche filastrocche, giochi, passatempi, disegni, ecc.

http://www.infanziaweb.it/link/siti_bambini.htm dedicato alla Scuola dell’Infanzia, bambini e genitori.

https://youtu.be/bP1ov6dT5D8 fiaba "Ti mangio!" di John Fardell

 

Attività motorie e manuali

https://www.mammapretaporter.it/educazione/gioco-stimoli-mb/11-giochi-di-movimento-da-fare-in-casa-senza-distruggerla

https://www.sitly.it/blog/giochi-da-fare-in-casa/

https://www.pensoinventocreo.it/dido-fatto-in-casa-5-ricette-a-confronto/

https://labottegadellebefane.it/dido-fatto-in-casa

http://www.quandofuoripiove.com/2013/11/la-pasta-da-modellare-al-bicarbonato.html

http://mondomerusa.blogspot.com/2013/04/plastilina-naturale-fatta-in-casa.html

Giochi da fare in casa:

Basket volante:

Occorrente: nastro adesivo da pacchi, cesto della biancheria, un palloncino

  1. Giocare a basket con un palloncino è più difficile di quanto sembra!
  2. Tagliate un pezzo di nastro adesivo lungo circa un metro. Attaccatelo sul pavimento per fare la linea di tiro.
  3. Mettete il cesto a un po’ più di un metro dalla linea.
  4. I giocatori, a turno, cercano di lanciare il palloncino nel cesto.
  5. Magari i giocatori più grandi possono lanciare da più lontano. I bambini piccoli possono aiutare a mandare il palloncino nel cesto.
  6. Ciascun canestro vale 1 punto. Giocate fino a 5 o stabilite fin dall’inizio il punteggio che volete.

 

Edizione straordinaria

Occorrente: carta, matita, pennarelli colorati.

I fatti di famiglia possono essere grandi notizie!

  1. Attaccate un foglio per le notizie di famiglia sul frigorifero o su una porta.
  2. Ciascun membro della famiglia aggiunge un titolo su qualcosa di bello che gli è accaduto durante la settimana. Usate dei colori vivaci!
  3. Idee per dei titoli: compleanno, un buon voto a scuola, idee per un viaggio, ecc.
  4. Una buona idea potrebbe essere conservare i fogli in un album di famiglia

 

Caccia al tesoro

Occorrente: carta colorata, penna o matita, piccoli premi

Organizzate una caccia al tesoro in famiglia.

  1. Trovate dei piccoli premi, uno per ogni giocatore.
  2. Iniziate un bel po’ prima di cena. Fate in modo che ogni membro della famiglia organizzi la caccia al tesoro per un’altra persona (se i bambini non sono troppo piccoli per farlo …).
  3. Ciascun giocatore ha qualche pezzo di carta colorata, una penna, una matita e un piccolo premio. Sul primo foglio scrive un indizio che porta al secondo foglio, che è nascosto da qualche parte in casa, ma non troppo nascosto. L’indizio sul secondo foglio porta al terzo e così via finchè il cacciatore raggiunge il premio.

 

Attento agli spaghetti

Occorrente: pasta per modellare, spaghetti crudi; caramelle (meglio se morbide) o cereali con il buco, o qualcosa di commestibile e morbido; un timer.

Attenzione a non rompere gli spaghetti!

Fate una base di pasta per modellare.

  1. Mettetela su un tavolo o su un’altra superficie piatta.
  2. Infilate uno spaghetto nella base.
  3. Ciascun giocatore a turno infila una caramella o un cereale nello spaghetto, cercando di non romperlo.

Variante: ciascun giocatore prende uno spaghetto in un base e una pila di caramelle con il buco o altro materiale commestibile. Regolate il timer su 1 minuto. Vince chi riesce ad infilare più caramelle senza rompere lo spaghetto… e chi vince, guadagna tutto il “bottino”!!

 

Fortino casalingo

Occorrente: materiali da costruzione per un fortino, vale a dire una coperta, una tenda, sedie, cuscini, scatole di cartone, cibo per pic-nic, macchina fotografica o smartphone per le foto.

Fortificate la famiglia per un pomeriggio divertente.

  1. Date ai bambini l’incarico di progettare il fortino di famiglia, che può essere in casa o all’aperto.
  2. Gli adulti fanno da ingegnere e operai. Possono anche trovare i materiali.
  3. Una volta completato il fortino, portateci dentro tutta la famiglia, per un pic-nic, per giocare o per entrambe le cose.
  4. Ricordatevi le foto ricordo!

 

Chi ride prima?

Riuscite a far ridere la vostra famiglia?

  1. Ciascun membro della famiglia, a turno, si mette davanti agli altri e cerca di far scoppiare a ridere qualcuno.
  2. Il primo che sorride, ride, o distoglie lo sguardo, va sotto.
  3. Alcune regole: niente solletico, non ci si può toccare. Si può parlare e fare battute.
  4. Se decidete di fare questo gioco, potete avvisare tutti in modo che ognuno abbia tempo di preparare qualcosa di divertente per far ridere gli altri.

 

Chi sono io?

Occorrente: carta per ogni giocatore; penna o matita; nastro adesivo

Io so chi sei …. E tu?

  1. Ciascun giocatore sceglie il nome di un personaggio famoso, vero o inventato. Per esempio: Cristoforo Colombo, Pinocchio, Marylin Monroe, ecc.
  2. Scrivete il nome su un foglio di carta. Attaccatelo con nastro adesivo alla schiena di un altro giocatore, badando che non veda cosa c’è scritto. Fate lo stesso con tutti i giocatori.
  3. Voltate la schiena verso un giocatore e fategli domande su chi siete. Può rispondere solo si e no.
  4. Cambiate compagno dopo cinque domande fino a scoprire chi siete.

 

Attività con carta e colori:

https://www.maestraagnese.com/index.php

https://www.greenpowerdisimonadg.com/lavoretti-riciclo-3-10-anni/

https://www.lapappadolce.net/ricicliamo-i-rotoli-di-carta-igienica-101-e-piu-progetti/

https://www.nonsprecare.it/come-fare-colori-dita-ricetta

https://portalebambini.it/disegni-da-colorare-e-da-stampare/

Favole, audio, racconti, giochi, materiale didattico, attività divertenti da fare:

https://www.facebook.com/vercellicittadeibambini/ pagina FB dei gestori degli Asili Nido Comunali

http://www.informafamiglie.it/news/news-articoli-su-famiglie-e-bambini/coronavirus-scuole-chiuse-in-tutta-italia-istruzioni-di-sopravvivenza-per-i-genitori info utili dai Centri Famiglie dell'Emilia

https://ilclubdeicercacose.com/scuole-chiuse-tutte-le-risorse-gratuite-per-bambini-e-bambine-di-tutte-le-eta/ una raccolta di idee e risorse educative online per ispirare le bambine e i bambini a prendersi cura della Terra e del prossimo

http://www.lezionisulsofa.it/ questo è bellissimo!! Audio storie, giochi, materiale didattico per bambini

https://www.raicultura.it/speciali/scuola2020/ didattica online per gli studenti

https://www.tribetrip.it/it/10-musei-per-bambini-da-visitare-on-line-iorestoacasa/78-28/&type=1 tour virtuali gratuiti da ammirare senza uscire di casa

https://www.raiplay.it/teen/ film, documentari, animazione per i nostri teen-agers

http://www.comune.torino.it/relazioniefamiglie/?p=8520 dal Centro per le Relazioni e le Famiglia, giochi e attività varie

http://iesbologna.it/rimanere-insieme-a-distanza/ dal Comune di Bologna, suggerimenti, idee, giochi per bambini 0-3 e 3-6 anni.

CONSIGLI PER I CITTADINI AI TEMPI DEL CORONAVIRUS … PER NON PERDERSI NEL LOOP

1) Privilegiamo come fonti di informazioni soprattutto i canali ufficiali

Ministero della Salute: http://www.salute.gov.it/nuovocoronavirus
Istituto Superiore di Sanità: https://www.epicentro.iss.it/coronavirus/
Nei momenti di emergenza in cui la paura e l‘irrazionale inevitabilmente rischiano di prendere il sopravvento, bisogna prendersi cura di sé e non mettersi in condizione di esporsi a informazioni non adeguate e non qualificate incorrendo in fake news o notizie emozionalmente cariche di vissuti ma non basate su dati oggettivi.

2) Scegliere 2 momenti al giorno per informarsi e il canale attraverso il quale si vuole farlo
L’esposizione continua alla mole di informazioni via web, radio e TV fa rimanere in stato perennemente eccitatorio il nostro sistema di allerta e paura. Per questo meglio scegliere uno o due momenti al giorno nei quali informarsi.

3) Seguire i consigli sulle norme di igiene indicate dal Ministero della Salute. Possiamo dare il nostro contributo per combattere il coronavirus: proteggiamoci e proteggiamo. Insieme si vince.

4) Non interrompere "per quanto possibile" la propria routine: in questo momento bisogna ancorarsi a ciò che è certo, noto e prevedibile. Continuare il lavoro e le proprie abitudini laddove possibile. Rispettando sempre le indicazioni di sicurezza vigenti.

5) Scaricare le tensioni attraverso “il fare” permette un migliore riposo notturno.

6) Riposarsi adeguatamente: attività rilassanti serali, meglio non vedere notiziari o speciali sul Coronavirus prima di addormentarsi per non scivolare nel sonno con emozioni negative e con senso di allerta.

7) Mangiare nel modo più regolare possibile e bere acqua. Mangiare molta frutta, verdura e alimenti rafforzativi del sistema immunitario. Possiamo combattere attivamente il coronavirus rendendo il nostro organismo più sano e forte.

8) Parlare e passare del tempo con la famiglia e gli amici. Avere restrizioni di movimento non significa annullare la socializzazione. Utilizziamo videochiamate, skype, zoom e insegnamo ai più anziani come fare per non rimanere “isolati nell’isolamento”.

9) Parlare dei problemi con qualcuno di cui ci si fida. Scegliere le persone con le quali avere un confronto empatico e costruttivo.

10) Fare attività che aiutano a rilassarsi: yoga, training autogeno, meditazione, leggere, giardinaggio, ecc. Moltissimi video sono gratuiti e disponibili on line su tecniche di respirazione e rilassamento.

11) Stacca la spina! Ricordati di parlare di altro, distrarsi e uscire dal loop di discorsi angoscianti e catastrofisti serve a rafforzarci attraverso emozioni positive .

 

 

 

Sezioni o servizi collegati: 
Ultima modifica: 18 Mag 2020 - 11:53