Home arrow Il Comune arrow Elettorale arrow Albi - presidenti, scrutatori, giudici popolari

Albi






 


 

I GIUDICI POPOLARI

Facsimile di domana per l'iscrizione all'albo dei Giudici popolari

L’Ufficio Elettorale deve provvedere alla formazione ed all’aggiornamento degli elenchi dei Giudici popolari delle Corti di Assise e delle Corti di Assise di Appello.
A questo riguardo, le attribuzioni in materia sono regolate dalla legge 10 aprile 1951, n. 287 e successive modificazioni e integrazioni.
I cittadini iscritti nelle liste elettorali possono chiedere, entro il mese di luglio di ogni anno dispari, di essere inseriti negli elenchi dei Giudici Popolari di Corte di Assise e di Corte di Assise d’Appello.
L’iscrizione negli albi è condizione necessaria per essere designati in qualità di giudici popolari presso la Corte d’Assise di primo e di secondo grado in occasione delle sessioni di giudizio delle stesse.
In questi albi devono essere iscritti, d'ufficio o su domanda, coloro che possiedono i seguenti requisiti:
 

  • essere elettore del Comune;
  • avere la residenza anagrafica nel Comune;
  • cittadinanza italiana;
  • buona condotta morale;
  • godimento dei diritti civili e politici;
  • età non inferiore ad anni 30 e non superiore ad anni 65;;
  • titolo di studio di scuola media di primo grado per l’iscrizione all’Albo dei Giudici Popolari di Corte d’Assise (primo grado) oppure titolo di studio di scuola media di secondo grado per l’iscrizione all’Albo dei Giudici Popolari di Corte d’Assise di Appello (secondo grado).


Non possono assumere l’ufficio di Giudice Popolare:

 

  • i magistrati e i funzionari in attività di servizio appartenenti o addetti all'ordine giudiziario;
  • gli appartenenti a Forze armate dello Stato ed a qualsiasi organo di Polizia anche se non dipendente dallo Stato in attività di servizio;
  • i ministri di qualsiasi culto e i religiosi di ogni ordine o congregazione.


Gli Albi sono permanenti e sono soggetti ad aggiornamento (biennale, ogni anno dispari).
L'ufficio di Giudice popolare è obbligatorio.



 

ALBO DEI PRESIDENTI DI SEGGI ELETTORALI

Facsimile di domana per l'iscrizione all'albo dei Presidenti di seggi elettorali

Presso la cancelleria di ciascuna Corte di Appello è istituito (legge 21 marzo 1990, n. 53) l’Albo delle persone idonee all’Ufficio di Presidente di seggio elettorale.
Per poter svolgere la funzione di Presidente di seggio è necessario essere inseriti nell’Albo delle persone idonee all’ufficio di presidente di seggio elettorale previa presentazione di apposita domanda e che sono in possesso dei seguenti requisiti:
• essere elettore del comune
• cittadinanza italiana;
• buona condotta;
• età non superiore ai 70 anni;
• titolo di studio: scuola media di secondo grado di qualsiasi tipo (diploma di scuola media superiore);

Sono esclusi dalle funzioni di presidente di Ufficio elettorale di sezione, (art. 38 del D.P.R. 30 marzo 1957, n. 361 e art. 23 del D.P.R. 16 maggio 1960, n. 570):
• i dipendenti dei Ministeri dell'Interno, delle Poste e Telecomunicazioni e dei Trasporti;
• gli appartenenti alle Forze Armate, in attività di servizio;
• i medici provinciali, gli ufficiali sanitari ed i medici condotti;
• i segretari comunali ed i dipendenti dei Comuni addetti o comandati a prestare servizio presso gli uffici elettorali comunali;
• i candidati alle elezioni per le quali si svolge la votazione.

La domanda di cui sopra delle persone idonee all’ufficio di presidente di seggio elettorale può essere presentata utilizzando il modulo prestampato, in distribuzione presso l’Ufficio Elettorale e la sala accoglienza dei Servizi Demografici del Comune di Vercelli. Tale modello deve pervenire nel periodo dal 1/10 al 31/10 all’ufficio Protocollo del Comune. Le domande pervenute fuori termine non verranno prese in considerazione.
Verificati i requisiti, si procede all’iscrizione che riveste carattere permanente.
La cancellazione dall’Albo viene comunicata all’Ufficio Elettorale del Comune da parte della Corte di Appello per perdita dei requisiti previsti o su itanza motivata da parte dell’interessato.



 

ALBO UNICO DEGLI SCRUTATORI

Facsimile di domanda per l'iscrizione all'albo degli scrutatori



Per poter svolgere la funzione di scrutatore di seggio elettorale è necessario essere inseriti nell’Albo unico delle persone idonee all’ufficio di scrutatore (legge 8 marzo 1989, n. 95, come modificata dall’art. 9 della legge 30 aprile 1999, n. 120 e da ultimo, dall’art. 9 della legge 21 dicembre 2005, n. 270) che viene aggiornato annualmente e depositato presso l’Ufficio Elettorale del Comune.previa presentazione di apposita domanda e che sono in possesso dei seguanti requisiti:
• essere elettore del comune
• cittadinanza italiana;
• buona condotta;
• età non superiore ai 70 anni;
• titolo di studio: essere in possesso del titolo di studio della scuola dell’obbligo.
Sono esclusi dalle funzioni di scrutatore di seggio elettorale (art. 38 del D.P.R. 30 marzo 1957, n. 361 e art. 23 del D.P.R. 16 maggio 1960, n. 570):
• i dipendenti dei Ministeri dell'Interno, delle Poste e Telecomunicazioni e dei Trasporti;
• gli appartenenti alle Forze Armate, in attività di servizio;
• i medici provinciali, gli ufficiali sanitari ed i medici condotti;
• i segretari comunali ed i dipendenti dei Comuni addetti o comandati a prestare servizio presso gli uffici elettorali comunali;
• i candidati alle elezioni per le quali si svolge la votazione.

• La domanda di cui sopra delle persone idonee all’ufficio di scrutatore di seggio elettorale può essere presentata utilizzando il modulo prestampato, disponibile con download da questa pagina e in distribuzione presso l’Ufficio Elettorale e la sala accoglienza dei Servizi Demografici. Tale modello deve pervenire nel periodo dal 1/11al 30/11 all’ufficio Protocollo del Comune. Le domande pervenute fuori termine non verranno prese in considerazione.
• Verificati i requisiti, si procede all’iscrizione che riveste carattere permanente.


Per la cancellazione dall’Albo unico delle persone idonee all’ ufficio di scrutatore: istanza motivata alla Commissione Elettorale Comunale.



 

BREVI CENNI SU COMPONENTI E FUNZIONANAMENTO DEI SEGGI ELETTORALI


Per ogni sezione elettorale è istituito un ufficio elettorale o seggio.
L’ufficio elettorale di sezione, in occasione di consultazioni elettorali, è composto da un presidente, da quattro scrutatori (ridotti a tre per i referendum) e da un segretario, scelto dal presidente.
Sono esclusi dalle funzioni di presidente di Ufficio elettorale di sezione, di scrutatore e di segretario (art. 38 del D.P.R. 30 marzo 1957, n. 361 e art. 23 del D.P.R. 16 maggio 1960, n. 570):
• i dipendenti dei Ministeri dell'Interno, delle Poste e Telecomunicazioni e dei Trasporti;
• gli appartenenti alle Forze Armate, in attività di servizio;
• i medici provinciali, gli ufficiali sanitari ed i medici condotti;
• i segretari comunali ed i dipendenti dei Comuni addetti o comandati a prestare servizio presso gli uffici elettorali comunali;
• i candidati alle elezioni per le quali si svolge la votazione.
L’ufficio di presidente, di scrutatore e di segretario è obbligatorio per le persone designate.
Tutti i membri dell’ufficio, compresi i rappresentanti di lista, sono considerati, per ogni effetto di legge, pubblici ufficiali durante l’esercizio delle loro funzioni.
In occasione di tutte le consultazioni elettorali e di referendum coloro che adempiono funzioni presso gli uffici elettorali hanno diritto di assentarsi dal lavoro per tutto il periodo corrispondente alla durata delle relative operazioni.
I giorni di assenza dal lavoro compresi nel periodo delle operazioni elettorali sono considerati, a tutti gli effetti, giorni di attività lavorativa.
I compensi ricevuti non sono soggetti a Irpef e quindi non vanno inseriti nelle dichiarazioni dei redditi.
I membri del seggio, non possono trascrivere i nominativi degli elettori che si sono astenuti dalla partecipazione al voto o che abbiano votato.

PRESIDENTI DI SEGGIO
I Presidenti dei seggi elettorali sono nominati, in occasione di ogni consultazione elettorale, dal Presidente della Corte d’Appello fra coloro che sono iscritti nell’apposito Albo predisposto dal Comune.
La nomina viene effettuata entro il trentesimo giorno precedente quello della votazione e l'elenco dei presidenti designati alle rispettive sezioni elettorali viene trasmesso al Comune entro il ventesimo giorno antecedente la data delle consultazioni ai fini della notifica della nomina summenzionata.
Il Presidente del seggio provvede alle seguenti funzioni:
• nomina il Segretario del seggio;
• prende in consegna dal delegato del Sindaco il materiale occorrente per le operazioni di votazione e di scrutinio;
• provvede alla custodia della sala della votazione e del materiale ricevuto;
• sceglie il vice Presidente tra gli Scrutatori del seggio;
• è responsabile di tutte le operazioni del seggio;
• è incaricato dell'ordine pubblico della sala di votazione e dispone della Forza Pubblica e/o delle Forze Armate;
• ha la facoltà assoluta di decisione, udito il parere degli Scrutatori, su tutte le difficoltà e gli incidenti relativi alle operazioni del seggio, sui reclami anche orali, sulle contestazioni e sulla nullità dei voti.

SCRUTATORI DI SEGGIO
Gli Scrutatori provvedono ai seguenti compiti:
• autenticazione delle schede di votazione
• identificazione e registrazione degli elettori che si presentano a votare;
• spoglio delle schede;
• registrazione dei voti durante le operazioni di scrutinio;
• confezione e recapito dei plichi contenenti gli atti della votazione e dello scrutinio.

SEGRETARI
Il Segretario è nominato con apposito atto dal Presidente, prima dell’insediamento del seggio, tra gli elettori iscritti nelle liste elettorali del Comune, in possesso del titolo di studio non inferiore al diploma di istruzione secondaria di secondo grado (art. 2, legge 21 marzo 1990, n. 53), che non abbiano superato il settantesimo anno di età e che non rientrino nelle predette categorie di esclusione dalle funzioni di scrutatore, segretario e presidente di seggio elettorale.
Il Segretario assiste il Presidente nell'adempimento delle operazioni del seggio ed è responsabile, insieme a lui, della regolare compilazione del verbale.